3) PESCARA BELLA – Programma elettorale di Riconquistare l’Italia, con Gianluca Baldini Sindaco

Il nostro programma per le elezioni comunali di PESCARA del 26 maggio 2019 si propone l’obiettivo di innescare una reale transizione verso il modello futuribile di città moderna, accessibile e vivibile.

Vogliamo traghettare la nostra Pescara nel XXI secolo, perché riteniamo che sotto molti punti di vista la città sia rimasta ancorata a modelli amministrativi e di governo propri del novecento e che abbia distrutto, negli ultimi decenni, quelle peculiarità che negli anni 60-70 l’avevano resa una città all’avanguardia e ammirata.

Al fine di esporre con sintesi e chiarezza il nostro modello di sviluppo adotteremo un approccio originale, non scontato, ma a nostro avviso più coinvolgente. Partiremo dall’enumerazione di quelle qualità che vorremmo garantire alla nostra città, dalle ambizioni, dalle aspettative riguardanti il futuro di Pescara, che ci aiuteranno a identificare le 5 macro-aree d’interesse, le linee d’azione e, infine, le migliori prassi da importare, secondo un modello dimostratosi efficace in altre realtà.

Noi abbiamo in mente una Pescara SALUBRE, SICURA, BELLA, ACCESSIBILE, MODERNA.

            

Esporremo in sintesi le proposte di intervento per ciascuna delle 5 macro-aree del nostro programma per la città di Pescara (che si può leggere nella versione integrale QUI), una declinazione in chiave territoriale dei precetti costituzionali su cui è fondato il nostro programma politico nazionale.

 

 

1) SPAZI E LUOGHI

a. STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE TERRITORIALE
Adeguamento degli strumenti di pianificazione territoriale per restituire ordine, coerenza e armonia stilistica alla città, perseguendo gli obiettivi di arrestare il consumo di suolo, promuovere il riuso e la rigenerazione dei suoli già urbanizzati e il risanamento dell’esistente attraverso la ristrutturazione, il restauro, la riedificazione e la sostituzione degli edifici vetusti.

b. IDENTITÀ E STORIA
Tutela e la valorizzazione del patrimonio paesaggistico, culturale, archeologico e architettonico. Pescara è una città che ha seppellito e demolito la sua storia, anche più recente, e la restituzione di una parte di questa storia che è conservata sotto i nostri suoli è un obiettivo ambizioso che intendiamo perseguire profondendo il massimo impegno nel reperimento dei fondi necessari ad attivare iniziative di recupero.
Riqualificazione del centro storico, ricostituendo la piazza Unione originaria, chiudendo le rampe di accesso e uscita dell’asse attrezzato, inibendo l’ingresso e l’uscita alla golena sud ed eliminando la rotonda. Andrà ripristinato un agevole passaggio pedonale che inviti al passeggio verso via delle Caserme e corso Manthoné e ricollocata una segnaletica chiara ed esaustiva che indichi tutti i luoghi d’interesse storico, culturale e archeologico.

c. CULTURA
Predisposizione di un censimento aggiornato del patrimonio edilizio comunale disponibile da riqualificare per assegnare spazi inutilizzati alle associazioni culturali locali, supervisionando l’utilizzo e valutando costantemente la qualità della gestione.
Realizzazione di una piattaforma web dedicata alla cultura per creare un nuovo rapporto tra ente e associazioni, un hub della cultura che indirizzi in maniera agevole nella risoluzione dei problemi, nell’accesso ai bandi regionali, nella prenotazione semplificata di sale e spazi pubblici con un clic e nel sistema di promozione delle attività che rilanci automaticamente la pubblicità degli eventi patrocinati sui siti istituzionali e sulle affissioni pubbliche.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche...

2 risposte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.