Elezioni comunali: presentata a Cepagatti (PE) la lista Riconquistare l’Italia per Claudio Orsini Sindaco

Riconquistare l’Italia non è solo il nome del quarto incomodo giunto a sorpresa ad animare le elezioni comunali di Cepagatti, ma è il nome di un progetto nazionale, partito diversi anni fa proprio dall’Abruzzo, che si propone di riportare la Costituzione della Repubblica Italiana al centro dell’agenda politica e liberare il Paese dall’oppressione dei Mercati e dei Trattati europei, che con i loro pesanti vincoli hanno tolto ogni possibilità di manovra allo Stato italiano e, per ricaduta, agli enti locali, impedendo l’adempimento dell’obbligo costituzionale di soddisfare le esigenze dei cittadini.

Per far questo è necessario selezionare e formare una nuova classe dirigente. In un’epoca di partiti personali, ormai divenuti centri di gestione del potere a beneficio di pochi, che cambiano simbolo e posizione ad ogni appuntamento elettorale, c’è estremo bisogno di riscoprire la politica nobile, costruendo un partito che sia veramente popolare perché espresso dal Popolo e destinato a durare: questo scopo è per i militanti del Fronte Sovranista Italiano (FSI), partito promotore della lista Riconquistare l’Italia, l’impegno di una vita, il destino di una generazione.

Lo hanno spiegato, nel corso della presentazione che si è svolta ieri pomeriggio presso l’Oratorio parrocchiale di Vallemare, il segretario nazionale del Fronte Sovranista Italiano (FSI), l’avvocato pescarese Lorenzo D’Onofrio, e il candidato Sindaco per Cepagatti, Claudio Orsini, alla presenza dei candidati consiglieri.

Giunto alla sua terza esperienza elettorale, dopo le comunali di Avezzano dello scorso anno e le recenti regionali del Lazio, il progetto Riconquistare l’Italia sarà presente con il suo simbolo anche alle prossime elezioni regionali abruzzesi e alle comunali di Pescara.

Per ottenere questo primo risultato – ha sostenuto D’Onofrio – frutto di impegno paziente e disciplinato, è stato necessario lavorare ininterrottamente per sei anni. Dal marzo 2012 quando venne costituita l’ARS (Associazione riconquistare la sovranità, divenuta FSI nel 2016). L’anno seguente a quel 2011 in cui proprio noi, in un articolo sul web, coniammo i neologismi “sovranismo” e “sovranista”, oggi largamente usati, seppur con significato spesso divergente dall’originale”.

Quarantatre anni, sposato, padre di 2 figli, operaio metalmeccanico precario sempre in prima linea negli appuntamenti locali e nazionali del FSI, del quale è socio fondatore: queste alcune delle credenziali con le quali si presenta Claudio Orsini, il candidato alla carica di Sindaco, un simbolo per i suoi compagni di partito, che in lui vedono il modello del militante politico della Prima vera Repubblica.

A Cepagatti – ha affermato – ci proponiamo, per quanto possibile, di attuare politiche conformi alla Costituzione e, quindi, vicine ai bisogni di quelle persone comuni delle quali, come ci ricordava il Prof. Federico Caffè, economista pescarese che della Costituzione economica è stato ispiratore, l’agire politico dovrebbe occuparsi”.

Il candidato Sindaco dopo essersi presentato e aver presentato la lista, ha illustrato brevemente i punti alla base della politica di Riconquistare l’Italia, accennando alle problematiche derivanti dal federalismo fiscale, dai vincoli europei e dalla costituzionalizzazione del pareggio di bilancio, sintetizzando la proposta nazionale di riforma delle finanze dei Comuni.

Ha quindi presentato il programma per Cepagatti fatto non di promesse eclatanti, ma di piccoli interventi indirizzati al miglioramento della qualità della vita dei cittadini, alla protezione ed al rilancio del commercio locale, alla salvaguardia e valorizzazione delle risorse ambientali territoriali.

Ha infine concluso invitando i cittadini di Cepagatti ad esorcizzare la “paura” della dispersione del voto, che in realtà li vincolerebbe a continuare ad eleggere una delle due facce della stessa medaglia: “Un voto per Riconquistare l’Italia significa concedersi una nuova possibilità, la stessa che nei prossimi anni offriremo all’Italia intera”.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.